Login / Registrati / Area Clienti

Home » Software » Axis VM C.A. Acciaio Legno » 100 % Calcolo » Verifiche acciaio

Verifiche acciaio

Per la verifica degli elementi lineari in acciaio sono disponibili due moduli:

 

  • Il modulo SD1, dedicato alla verifica di travi e pilastri secondo Eurocodice 3, per profili in classe 1, 2 e 3. Per profili di classe 4, verifica sezioni scatolari e ad I con singolo e doppio asse di simmetria;
  • Il modulo SD9ottimizza le sezioni sulla base di profili preferenziali. L’ottimizzazione della sezione trasversale delle strutture in acciaio consente di aggiornare automaticamente le sezioni degli elementi, precedentemente definiti e progettati, ricercando la sezione più efficiente e permettendo un risparmio di materiale.

 

Altri moduli disponibili sono:

  • Il modulo SC1 per la verifica dei giunti di collegamento
  • Il modulo SD8 per la verifica in condizione di incendio
  • Il modulo di collegamento con il software Tekla

Per gli elementi lineari in acciaio è possibile effettuare le verifiche complessive della struttura attraverso il modulo SD1.

Le verifiche eseguite riguardano:

  • la pressoflessione e tensoflessione deviata
  • l’instabilità flessionale e flessotorsionale
  • il taglio e la combinazione di taglio d’anima
  • momento e forza assiale per sezioni trasversali con presenza dell’anima

Il programma consente l’impostazione manuale o la determinazione automatica della classificazione della sezione. In base a questa, nelle verifiche si tiene conto del corrispondente valore di resistenza (elastica o plastica). Per le sezioni in classe 4 è automaticamente calcolata la sua sezione efficace.

Per ogni elemento vengono restituiti i coefficienti di sicurezza in forma tabellare, mentre il dettaglio delle verifiche viene fornito attraverso una relazione dettagliata con l’esplicitazione dei calcoli. L’utente può scegliere se stampare la relazione di tutti gli elementi, o semplicemente di quelli più sollecitati per ogni tipologia di elemento (stesso profilo e lunghezza), che AxisVM individua in automatico.

 

Analisi

Modulo SD9

L’obiettivo dell’ottimizzazione è l’efficienza della struttura, attraverso il raggiungimento del:

  • peso minimo
  • altezza minima dei profili
  • larghezza minima dei profili

 

Tale processo, ottenuto grazie al modulo SD9, è basato sulla ricerca della sezione trasversale con un’efficienza di default < 1, valutata come rapporto tra sollecitazioni e resistenza, e personalizzabile dall’utente. Sono presenti due tipologie di ottimizzazione per le sezioni trasversali:

ottimizzazione da sezioni predefinite

I profili da utilizzare possono essere scelti da una libreria molto assortita, contenente i profili comunemente utilizzati, e dalle sezioni che l’utente ha definito nel progetto. Il processo di ottimizzazione individua in automatico, tra i profili considerati, quello più performante con l’efficienza più prossima alla efficienza limite impostata.

ottimizzazione parametrica

Una volta che viene riconosciuta la forma della sezione (I, L, doppia L ecc?), il software permette di parametrizzare le geometrie (base, altezza, ala superiore, ala inferiore ecc?) permettendo di definire un valore minimo, uno massimo e uno di incremento. In funzione di quest’ultimo valore, il programma esegue in automatico gli incrementi fino ad ottenere la sezione ottimale.

In entrambi i casi è possibile sostituire automaticamente, all’interno del modello, la sezione originale con quella ottimizzata.

Modulo SC1

L’elevata variabilità delle tipologie di collegamento e la loro personalizzazione potrebbe portare qualche problema in termini di verifica ed elaborazione grafica dei collegamenti in acciaio adottati.

A questo fa fronte il modulo SC1 che consente la progettazione dei collegamenti basati sull’Eurocodice3, ed esegue modifiche personalizzando i collegamenti originali.

Per ogni connessione, infatti, vi è la possibilità di impostare la tipologia di collegamento, se saldato o bullonato, e verificare la geometria della connessione e capacità di resistenza.

Il modulo, oltre all’anteprima del disegno della connessione in funzione dei parametri definiti, ed il rendering in 3D della connessione, consente anche l’esportazione del disegno in formato DXF.

In output produce anche un Report dettagliato di calcolo, comprendente tutte le condizioni specificate dalle norme ed i modelli con i valori numerici aggiornati.

Modulo SD8

Per la progettazione e successiva verifica antincendio degli elementi lineari in acciaio, con o senza rivestimento, è disponibile il modulo dedicato (SD8), basato sulle linee guida di EC3-1-2.

Prerogativa della progettazione antincendio all’interno del software è la progettazione ?ordinaria? di travi in acciaio (modulo SD1).

La progettazione antincendio della trave in acciaio può essere eseguita se:

la combinazione di carico selezionata include un carico di incendio;
è stato assegnato un effetto di incendio a tutti gli elementi selezionati soggetti a quel carico.

Infine, in output il software oltre a mostrare gli inviluppi degli elementi, permette la visualizzazione tabellare dei dettagli di progettazione antincendio, ovvero:

il tipo di curva d’incendio
la temperatura di progettazione
la temperatura critica.

In caso l’elemento selezionato all’interno della struttura non contenga effetti d’incendio, viene eseguito il normale progetto in acciaio.

I ponteggi sono strutture apparentemente semplici che in molti casi non richiedono particolari analisi. Se però si esce dalle tipologie per cui la ditta produttrice ha ottenuto l’Autorizzazione, è necessario procedere a verifica che, secondo le NTC 18, richiede cura e precisione come per tutte le strutture. La soluzione software per il calcolo dei ponteggi è costituita dal solutore ad elementi finiti Axis VM che consente ogni tipo di modellazione. In particolare è possibile esaminare gli effetti dovuti agli scostamenti degli assi degli elementi, ad esempio nei giunti di collegamento.

All’interno di Axis VM è inoltre disponibile un modulo per la verifica degli elementi tubolari. Si possono determinare le sollecitazioni nei tasselli che collegano il ponteggio alla struttura servita, valutando inoltre il coefficiente moltiplicatore di instabilità globale, che consente la verifica complessiva della struttura “ponteggio”.

Il software ET consente il calcolo del vento ed altre verifiche locali.

Infine, nel caso sia necessario integrare il ponteggio con altri elementi di riforzo, ad esempio profli metallici, il software Saitu consente la verifica di questi elementi e dei collegamenti relativi.