Home > Software > 3Muri - Muratura > Modellazione > Strutture di copertura

Strutture di copertura

Le coperture in 3muri sono costituite da un insieme di elementi strutturali che fanno parte del livello attivo; è quindi possibile definire un tetto per ogni livello. Questa modalità di inserimento permette di definire un sistema di coperture a quote differenziate.

 

Le falde possono appartenere a diverse famiglie strutturali, come ad esempio quelle del legno e del latero cemento:

 

_img4                 _img9

 

Ci sono due tipologie di coperture in 3muri, la "non strutturale" o la "strutturale".

 

Copertura non strutturale

Nel caso di una copertura NON strutturale come quella in legno di una struttura esistente, affidare la portanza sismica e la capacità di trasferire le forze a un sistema a bassa rigidezza, di cui spesso si possiedono limitate informazioni in merito al buon ammorsamento con la muratura, costituisce un rischio che il progettista può non voler correre.

 

Quindi, è bene trascurare resistenza e rigidezza di tali elementi, facendo in modo che non entrino in gioco al momento della mesh e vengano trasformati in carichi applicati alla struttura sottostante.

 

Le stesse porzioni in muratura (es. timpani), in assenza di falde a buona rigidezza, potrebbero dar luogo a meccanismi di fuori piano; in tal caso, sarebbe opportuno omettere la rigidezza di tali elementi murari. In questa condizione, la mesh dell'edificio sarebbe la medesima al caso in cui fosse stata eseguita la mesh prima di inserire il tetto.

 

Copertura strutturale

Nel caso di una copertura strutturale, in cui la falda possieda una rigidezza significativa, è possibile utilizzarla per avere una ripartizione delle forze più coerente con la realtà. In tal caso, è necessario che nella mesh della struttura siano coinvolti tutti gli elementi strutturali della copertura.

 

Le falde sono costituite da superfici (anche NON piane) che vengono discretizzate mediante mesh triangolare con elementi di tipo membrana (stesso elemento usato per i solai).

 

Data l'irregolarità delle strutture esistenti, capita spesso che per seguire in modo accurato il profilo murario vengano posate travi dell'orditura di una singola falda non complanari, questo è il motivo per cui è possibile inserire anche falde non piane. Inoltre, i maschi murari vengono modificati in altezza e forma per seguire correttamente il perimetro della falda.

 

tetti16                                   tetti17

Esempio di mesh mostrato nell'ambiente analisi         Altezze effettive utilizzate per il calcolo

 

Tracciamento profili tetto

I profili tetto sono elementi utili esclusivamente per la modellazione della copertura e possono essere creati e modificati nell'ambiente copertura.

 

tetti19           tetti20                   tetti21

 

Questi elementi servono a definire gli elementi principali dell'orditura quali colmi, compluvi e displuvi. Inoltre, nel piano di copertura possono essere inseriti sia le aperture nei timpani, che pilastri di sostegno degli elementi di orditura.

INFORMAZIONI DOWNLOAD NTC 18 OFFERTE
CHIAMA: 800 236 245